Prima Squadra

Le parole del presidente Giovanni Luce

All’indomani della presentazione ufficiale di quella che viene definita da tutti, una squadra stellare, il presidente del Città di Sangiuliano, Giovanni Luce, si racconta, tra speranze e desideri, a cominciare dai motivi che lo hanno spinto a investire tanto, proprio alla vigilia di una stagione importante e decisiva per la crescita della società verso un obiettivo ambizioso, ma realistico per chi è abituato alla concretezza dei fatti, piuttosto che alle parole: <Ci siamo confrontati in famiglia – spiega il numero uno gialloverde – e siamo stati tutti unanimemente concordi nel sostenere che in tanti anni di lavoro, San Giuliano ci ha dato tanto ed era quindi giunto il momento di ricambiare qualcosa, attraverso la squadra che possa diventare un vero punto di riferimento per tutto il territorio>.

Investimenti che hanno riguardato sia la squadra, ma anche e soprattutto le strutture, come spiega il presidente: <Per arrivare a certi livelli è necessario costruire squadre molto competitive che prevedano anche l’arrivo di giocatori da categorie superiori e questo abbiamo fatto. Ma non solo, perché stiamo ampliando tutta la società con la completa ristrutturazione del centro sportivo di via Risorgimento, che è già in corso e che stiamo facendo con le nostre forze. Oltre a questo abbiamo anche iniziato i lavori per la costruzione di un centro sportivo di nostra proprietà, sempre nel comune di San Giuliano (nella frazione di Sesto Ulteriano, ndr) per garantire il giusto spazio a tutti i nostri tesserati, soprattutto per i giovani e i ragazzi, perché il settore giovanile per noi è una delle cose più importanti>.

Un progetto partito solo due anni fa, con l’allora Borgolombardo in Seconda Categoria e con un intero settore giovanile da ricostruire da zero. Il lavoro senza sosta del direttore generale Andrea Luce è stato premiato in pochissimo tempo: <Siamo abituati – continua il presidente del Città di Sangiuliano e titolare del Gruppo Luce, società immobiliare che opera nel territorio da oltre quarant’anni, con la moglie Giusy e i tre figli, Andrea, Gino e Tiffany – nel nostro lavoro a cercare e ottenere risultati in poco tempo, proprio perché quando vogliamo raggiungere un preciso obiettivo ci dedichiamo anima e corpo. In due anni siamo passati dalla Seconda Categoria alla Promozione, ma di questo ne ero abbastanza certo>.

Il grande entusiasmo che si è creato in casa Sangiuliano è testimoniato anche dalla costituzione del primo gruppo di tifosi organizzati che seguiranno la squadra: <Questo lo devo essenzialmente a mio figlio Andrea che sa capire e ascoltare i giovani, tanto che la nostra è una tifoseria sana e fatta da bravi ragazzi>.