Settore Giovanile

Esordienti Sq. Verde, ottima prestazione col Segrate nonostante la sconfitta

Città di San Giuliano 0-1 Città di Segrate (2-3)

CITTÀ DI SANGIULIANO: Del Verme, Piccione, Nicastro, D’acci, Bosotti, Boscaro, Ionescu, Gabbiani, Monachella, Ferrante, Pondev, Rocchetti, Mella, Rossi, Prigionieri, Vallefuoco. All. Bonelli

CITTÀ DI SEGRATE: Ali, Favia, Tedone, Calzavara, Redaelli, Porro, Cima, Falco, Bezzani, Locatelli, Delle Side, Romeo, Nechita, Rondelli, Spreafico. All. Rizzo

RETI: 16′ st Locatelli

Big match in Via Risorgimento per gli Esordienti Verdi, che ospitano il Città di Segrate ancora imbattuto. Parte forte il San Giuliano, che già nei primi minuti ha tre chiarissime palle gol per andare in vantaggio con i tre tenori Monachella, Ferrante e Pondev, ma la traversa e l’imprecisione salvano il Città di Segrate. Primo tempo di marca esclusivamente gialloverde, con gli ospiti che non riescono quasi mai ad uscire dalla propria metà campo e ad impensierire Rocchetti, spettatore non pagante, ma i padroni di casa sprecano le numerose occasioni e il risultato rimane inchiodato sullo 0-0. Secondo tempo più equilibrato, con le due squadre che giocano la partita soprattutto a centrocampo, creando pochi pericoli alle difese avversarie. In un tempo così equilibrato ciò che può sbloccare la partita è solamente un episodio: al 16′ una punizione laterale di Locatelli passa attraverso l’area di rigore, nessuno la tocca e la palla si infila in porta, portando in vantaggio gli ospiti che da quel momento in poi si chiudono a difesa del risultato. Il terzo tempo riparte com’è finito il secondo, con il San Giuliano che continua ad attaccare e col Segrate che forma due linee da 4 a protezione della porta. Nonostante il dominio territoriale e del possesso palla, i gialloverdi non riescono a sfruttare le occasioni da gol, grazie anche alle parate di Ali, reattivo e sicuro tra i pali. La partita si conclude con una sconfitta che lascia un pò di amaro in bocca per il modo in cui è arrivata, con Rocchetti e Del Verme quasi inoperosi e i legni colpiti da Monachella (due traverse) e Boscaro (palo) che sanno un pò di beffa.

Forza Sangiu! 🔰